Categorie

Pubblicato il in Risoluzione dei problemi | 0 commenti

Google Maps API error: RefererNotAllowedMapError [RISOLTO]

Google Maps API error: RefererNotAllowedMapError [RISOLTO]

Durante l’integrazione di Google Maps sul tuo sito web, potresti imbatterti nell’errore Google Maps API error: RefererNotAllowedMapError. Fortunatamente, si tratta di un errore piuttosto facile da risolvere. Vediamo insieme come fare.

Come suggerisce il nome, questo errore è relativo alle chiavi API di Google Maps. Come già saprai, te ne serve una per poter integrare Google Maps sul tuo sito, e puoi ottenerla seguendo il tutorial presente in questa pagina. Dopo aver creato la chiave API, puoi restringerne l’utilizzo ad un elenco di URL, così da proteggere la tua quota giornaliera (25.000 caricamenti di mappa per progetto al giorno) da un uso improprio o non autorizzato. Ed è qui che cominciano i problemi.

Devi stare molto attento quando aggiungi nuovi URL alla lista dei siti web autorizzati. Prima di tutto, vediamo cosa dice la documentazione ufficiale in merito all’argomento:

Per quanto riguarda gli URL autorizzati, valgono le seguenti considerazioni:

Il nome di dominio o un indirizzo IP non devono essere necessariamenti accessibili al pubblico

Ad esempio, http://myintranet e http://192.168.1.1 sono entrambi voci valide.

Tutti i sottodomini di un dominio specificato sono autorizzati a loro volta

Per esempio, se http://example.com è autorizzato, anche http://www.example.com è autorizzato. Il contrario non è vero: se http://www.example.com è autorizzato, http://example.com non è necessariamente autorizzato.

Tutti i sotto-percorsi di un percorso autorizzato sono a loro volta autorizzati

Per esempio, se http://example.com è autorizzato, anche http://example.com/foo è autorizzato. Inoltre, dato che i sottodomini di un dominio specificato sono a loro volta autorizzati, anche http://sub.example.com/bar è autorizzato.

I percorsi tengono conto di maiuscole e minuscole

Ad esempio, http://www.example.com/ThisPath/ non è la stessa cosa di http://www.example.com/thispath/.

Si può limitare gli URL validi a quelli che utilizzano determinate porte

Ad esempio, specificando http://example.com:8080/foo non viene autorizzato anche http://example.com.

Protocolli HTTP e HTTPS sono considerati URL diversi

Per esempio, se https://example.com è autorizzato, http://example.com non è necessariamente autorizzato. Se vuoi autorizzare entrambi contemporaneamente, puoi aggiungere un dominio senza utilizzare un protocollo: example.com/

Tutte queste regole vengono applicate ad ogni autorizzazione, perciò presta sempre particolare attenzione. Ad esempio, poiché tutti sotto-percorsi e sottodomini di uno specifico URL sono autorizzati, potrebbe accadere di autorizzare pagine indesiderate. Ad esempio:

http://example.com/ autorizza anche http://sub.example.com/path.

In aggiunta a questo, sono necessarie alcune altre considerazioni:

  • Se inserendo l’URL del tuo sito senza specificarne il protocollo (http:// o https://) dovessi riscontrare problemi, prova ad aggiungere alla lista anche la versione dell’URL comprensiva di protocollo.
  • Ogni modifica apportata può richiedere alcuni minuti prima di essere effettiva.
  • Se non intendi applicare alcuna restrizione e lasciando vuoto il campo corrispondente riscontri questo errore, prova ad inserire un asterisco * al suo interno.

Questo articoli ti ha aiutato a correggere l’errore Google Maps API error: RefererNotAllowedMapError? Faccelo sapere in un commento!

Pin It on Pinterest

Shares

Condividi: